Gestione rifiuti speciali: come funziona il loro smaltimento

Gestione rifiuti speciali: come funziona il loro smaltimento

02/05/2022 Off Di Marco Gastaldi

La gestione dei rifiuti speciali è un tema complesso che coinvolge tutte le aziende presenti sul mercato. Quando parliamo di rifiuti è fondamentale fare una distinzione fra quelli urbani, ad esempio i rifiuti domestici o quelli presenti su aree pubbliche, e quelli invece prodotti da aziende, siano esse produttive o commerciali o che derivano dal trattamento di determinati prodotti a fine vita.

Per lo smaltimento dei rifiuti speciali, infatti, è necessario mettere in atto una specifica procedura, seguendo un iter preciso indicato dalla normativa vigente. Questo processo va affidato, in particolare, ad aziende specializzate e autorizzate. 

Gestione rifiuti speciali, cosa dice la legge

La normativa europea impone delle regole precise per la gestione dei rifiuti speciali. Indica infatti delle procedure precise che vanno seguite per effettuare il trattamento corretto del materiale di scarto prodotto dalle lavorazioni delle aziende. Le aziende autorizzate infatti hanno il compito di identificare in modo corretto l’eventuale rifiuto, assegnare le corrette classi di pericolosità e trasportarlo in appositi centri di recupero o smaltimento, assicurandosi che l’impianto di destinazione sia in possesso di regolare autorizzazione al trattamento.

Cosa sono i rifiuti speciali

Ma cosa sono i rifiuti speciali? Si tratta di scarti che provengono dal trattamento di acque nere oppure del settore sanitario, dalle industrie e da lavorazioni edili. Sono dunque materiali di diverso genere e residui che possono essere trattati per un eventuale recupero o subire un trattamento prima che siano smaltiti in modo definitivo.

 

Dunque, i rifiuti speciali sono prodotti tramite:

 

  • attività commerciali
  • lavorazioni industriali
  • attività di recupero e di smaltimento rifiuti
  • attività per trattamento delle acque e per la depurazione di acque reflue
  • attività sanitarie
  • apparecchiature, macchinari e dispositivi obsoleti e non funzionanti
  • veicoli a motore o rimorchi a fine vita

 

Facendo un inciso e tornando ai rifiuti urbani, cioè quelli prodotti da attività domestiche o presenti su suolo pubblico, la raccolta differenziata svolge un ruolo fondamentale per dividere i rifiuti a seconda della tipologia di materiali. Solo in questo modo potranno arrivare nel modo giusto all’interno dei centri di recupero e smaltimento.

 

I principali materiali che sono oggetto di raccolta differenziata, utili per riciclo e riuso, sono carta, metallo, vetro e plastica. Questo porta notevoli vantaggi per l’ambiente e la salute delle persone perché non finiscono negli inceneritori rifiuti che potrebbero causare l’emissione di gas pericolosi. 

Gestione rifiuti speciali, come funziona

Come funziona la gestione dei rifiuti speciali? In Italia esistono moltissime società che operano in questo settore seguendo la normativa e delle procedure specifiche. Alter Eco srl, ad esempio, accompagna le aziende del Veneto nella corretta gestione dei rifiuti speciali.

 

La prima fase è quella di ricezione delle richieste di trattamento e smaltimento dei rifiuti. Tutte le offerte sono verificate tramite l’ufficio tecnico che è composto da personale specializzato che possiede una esperienza pluriennale all’interno del settore dei rifiuti.

 

In seguito, avviene una consulenza in sede, con un controllo visivo del rifiuto. Si calcolano le quantità e le caratteristiche, verificando inoltre il processo produttivo che l’ha generato. Segue la fase dell’analisi in cui viene fatta una verifica con l’impianto di destino, valutando la necessità di prelevare un campione di materiale.

 

Dopo aver classificato correttamente il rifiuto e assegnato il codice CER, si passa alle possibili soluzioni. Si effettua un ulteriore controllo della disponibilità degli impianti autorizzati e delle relative autorizzazioni necessarie per ricevere il rifiuto, curando con particolare attenzione ogni dettaglio. Si realizza dunque una valutazione della possibilità di trasporto con i mezzi di Alter Eco Srl e/o con l’ausilio di trasportatori convenzionati.

 

Viene quindi formulata un’offerta economica al cliente, con l’apertura dell’ordine. Segue una fase informativa, con la consegna al cliente della modulistica e dell’autorizzazione dell’impianto di destino e del trasportatore. Vengono date inoltre indicazioni al cliente riguardo le modalità di compilazione del formulario di identificazione dei rifiuti (FIR). Nella fase conclusiva si assiste il cliente sino all’arrivo del rifiuto speciale presso l’impianto di destino con l’invio della quarta copia del formulario. Inoltre, Alter Eco srl può offrire un servizio premium con l’assistenza da remoto per la corretta tenuta del registro carico/scarico rifiuti, sgravando il cliente da questa particolare incombenza.